Come non ingrassare durante le feste di Natale

Arrivano le feste e con loro le mille emozioni dei regali, la famiglia, gli amici, l’atmosfera natalizia e …. Il CIBO. Ogni anno siamo più spaventati da quanto cibo ingeriremo dal 24 dicembre al 6 gennaio rispetto a goderci le vacanze di Natale con piena armonia. Perchè prima o poi tutti ci siamo detti… “ma come farò a non ingrassare in questo periodo?”  

<a data-cke-saved-href="https://it.freepik.com/foto-vettori-gratuito/cibo" href="https://it.freepik.com/foto-vettori-gratuito/cibo">Cibo de fotografie diseñado por Freepik</a>

<a href="https://it.freepik.com/foto-vettori-gratuito/cibo">Cibo de fotografie diseñado por Freepik</a>

E qui subito vorremmo porre l’attenzione su questa domanda che ahimè, viene posta sempre e solo in questo periodo. Ci avete mai fatto caso che solo quando arrivano le feste le persone si preoccupano di quanto mangeranno?  

C’è un motivo fondato e non poco importante: LA CONSAPEVOLEZZA. Tutti sappiamo che avremo grandi cene con portate speciali e staremo a tavola dalle 8 alle 12 ore se va bene… se siete del sud anche 24. Questa consapevolezza fa scattare dei meccanismi di panico interiore che ci possono portare ad un bivio. 

  • Mi preoccupo talmente tanto che non mi godo i momenti in famiglia facendolo pesare a chi mi sta intorno  
  • Oppure mi giustifico e mi do alla pazza gioia con tutto ciò che mi capita sotto il naso ingerendo quantità di cibo che di solito si consuma in un mese.  

Oggi parleremo proprio di come non arrivare a questi due compromessi che possono rovinarvi le vacanze di natale e farvele vivere con rimorsi o sensi di colpa. Dobbiamo prima di tutto trasformare questa consapevolezza temporanea in una consapevolezza quotidiana, il che significa che non dobbiamo preoccuparci di cosa mangiamo solo durante il periodo delle festività bensì, quotidianamente dovremmo essere padroni nel controllare il nostro introito calorico scegliendo cibi di qualità per il nostro benessere. Infatti se non nasce questa consapevolezza noi pensiamo di NUTRIRCI quotidianamente invece MANGIAMO quotidianamente. Tra queste due parole sembra ci sia poca differenza superficialmente, ma se sviluppiamo un ragionamento concreto antropologico è l’animale che mangia e non l’uomo. L’uomo grazie alla capacità della ragione si può nutrire perchè ha capacità critica di scegliere il meglio per se. L’animale mangia, perchè cacciando usufruisce di ciò che trova senza badare a ciò che ingerisce e a quanto ne ingerisce mentre l’uomo non dovrebbe comportarsi così ma lo fa perchè poco consapevole e ha bassa capacità critica. Sembra un discorso filosofico ma è molto vicino ai comportamenti quotidiani dell’era moderna, provate a pensare tutto ciò che mangiate quotidianamente, fate mente locale e trasportatelo su scala annuale. Vi si creerà un immagine di voi prettamente animalesca, ma non preoccupatevi non è un problema di pochi, bensì la stragrande maggioranza della popolazione si comporta in questo modo e i dati sulla composizione corporea e sulle scelte alimentari degli italiani lo confermano. Quindi la classica frase “non si ingrassa da natale a capodanno, ma da capodanno a natale” è vera ma in parte, perchè talmente presi dalla foga delle feste o dopo esserci giustificati che “tanto dopo mi metto a dieta”(cosa che non farete) rischiate davvero di ingerire quantità di cibo industriali rischiando di accumulare 4/5kg senza neanche accorgervene. Allora vediamo come limitare i danni e gestire al meglio questi sgarri natalizi che tanto spaventano le persone:

 

  • Come riportato sopra la consapevolezza è la prima cosa importante. Ancora prima di quanto mangiate se non siete consapevoli avete già perso in partenza. Mettevi in testa che non dovete rovinarvi le vacanze di Natale, dovete godervi tutto, mangiare un pò di tutto con le vostre famiglie senza rinunciare ai vostri sfizi ma dovete un attimo tirare il freno a mano in alcuni momenti dove si può tranquillamente evitare di mangiare. La componente mentale viene sempre prima di tutto, con un mindset preparato sieta già a metà dell’opera.  

  • Bilancio calorico. In questo caso è molto difficile capire quante calorie si ingeriscono perchè il cibo è particolare e spesso molto condito. Mediamente si sfocia in pasti dalle 3000-6000Kcal che sono un’infinità. Nella dieta il bilancio calorico è importantissimo, prima di iniziare le feste potrebbe essere utile scaricare un applicazione conta calorie (myfitnesspal) per verificare mediamente quante ne ingerite quotidianamente. Questo può permettervi di stimare settimanalmente l’introito calorico e riuscire a tamponare le calorie in eccesso durante questi giorni. Esempio: Maria mediamente consuma 2300Kcal quotidianamente, che in una settimana diventano 16000kcal. Ora ipotizziamo che Maria durante le feste abbia dei pranzi e delle cene importanti e che stimi l’introito calorico di ognuno di questi a 4000kcal, Maria non vuole farsi mancare niente. Se noi sottraiamo 4000 calorie dal bilancio settimanale ne ricaviamo 12k e se dividiamo per 7 diventano 1700kcal. Cosa dovrà fare allora Maria per bilanciare l’eccesso di questi giorni di carica caloria? Gestire al meglio I giorni precedenti o I giorni post abbuffata riducendo di poco il suo introito calorico giornaliero in modo tale da tamponare e non eccedere con le calorie settimanali. Sembra complesso ma è più semplice di quello che si pensa e oltretutto vi permette di non rinunciare e avere sensi di colpa. Sotto questo punto di vista la gestione è uguale a quella dello Sgarro settimanale, soltanto che qui sono quotidinani in questo periodo, vi linko l'articolo per approfondire. 

  • Altra strategia è quella di gestire i pasti di quella giornata: invece di fare colazione, merenda, pranzo, merenda, cena. Facciamo solo pranzo e cena. Se avete fame appena alzati la mattina si può tamponare con caffè, tisane e un po’ di frutta, ma non in eccesso. Questo permette di concentrare tutto il contenuto calorico in quei due frangenti senza eccedere negli altri pasti ed evitare un introito calorico inutile. Un'altra ottima strategia è la pratica del digiuno intermittente. 

  • Mangiare tutto si, ma con moderazione. Questo significa che possiamo tutti toglierci gli sfizi ma cerchiamo di evitare bis,tris,quatris di portate. Poi non diventa più un piacere ma uno strafogarsi di cibo senza neanche avere fame, ma per pura compulsione simil “fame nervosa”.   

  • Per ridurre l’introito calorico è anche bene badare alle bevande: bibite gasate, vino alcolici sono ricchi di zuccheri e nella nostra tavola non mancano mai. Pochi si soffermano su questo, ma una bottiglia di vino oltre che avere alcool ha anche molti zuccheri, di conseguenza calorie in più.  Dall'immagine si evince quanto sia facile accumulare le calorie solo da semplici bevande. 

  • Consiglio non meno importante degli altri è: non aspettate le vacanze di natale per preoccuparvi di cosa mangiate. Perchè se questo lavoro viene fatto durante l’anno tutto sarebbe molto più semplice e senza complicanze mentali e fisiche.  

  • Passate del tempo con i vostri cari ma cercate sempre di non sostare 3 settimane sul divano. Aggiungete del sano sport quotidianamente e non staccate i vostri allenamenti, questi possono compensare le abbuffate di questi giorni. 

Infine vi auguriamo a tutti bune feste, passatele con I vostri cari, mangiate (con moderazione), divertitevi e preparatevi per il nuovo anno con buoni propositi, primo tra tutti: DEVO SAPERE COSA MANGIO QUOTIDIANAMENTE. Sembra poco importante ma questo vi permette di allenarvi nell’organizzare un qualcosa che in questo caso è il cibo, ma può servire in tutti gli ambiti della vostra vita perchè delle buone abitudini costruiscono I risultati più duraturi nel tempo. Affidatevi ad abitudini solide non a mode temporanee.  

Per inziare un nuovo percorso con i personal trainer e il fisioterapista, iscriviti e scopri le nostre offerte. 


Categoria: Alimentazione equilibrata, Benessere fisico, Guide pratiche

Tags: fitness festedinatale abbuffate cheatday Sgarro famenervosa alimentazione benessere abbuffatenatalizie

Commenti: Nessun commento

Cri

Per poter commentare è necessario accedere al portale.

Log-in