IL POTASSIO: sport, ritenzione idrica e benessere

IL POTASSIO

Il potassio è un metallo alcalino tenero che si trova in natura combinato con altri elementi. Si ossida rapidamente all’aria ed è reattivo con l’acqua.

Quest’oligoelemento, nel nostro organismo, svolge una funzione importantissima intervenendo nella maggior parte delle funzioni vitali; si trova principalmente all’interno delle cellule dove controlla l’eccitabilità neuromuscolare, il rimo del cuore, la pressione osmotica, l’equilibrio acido-base e la ritenzione idrica.

 

EFFETTI BENEFICI SULLA NOSTRA SALUTE

Sono numerosi gli effetti sulla nostra salute:

  • Regola il contenuto di acqua delle cellule e la pressione osmotica
  • Svolge poi un’importante azione nella sintesi delle proteine
  • Svolge un’azione nella conversione degli zuccheri in glicogeno
  • Attiva numerosi enzimi connessi al metabolismo energetico
  • È poi coinvolto nei processi di trasmissione degli impulsi nervosi
  • È coinvolto nel controllo della contrazione muscolare
  • Contribuisce poi a regolare la pressione arteriosa. 

 

POTASSIO E RITENZIONE IDRICA

La tanto combattuta ritenzione idrica, condizione multifattoriale, quindi mettetevi l’anima in pace perché non esiste nessun colpevole principale, essa è causata da una serie di fattori e cattive abitudini, per non dire pessime, alla cui base c’è comunque uno squilibrio tra la quantità di potassio che si trova all’interno delle cellule e quella di sodio presente nel liquido che circola all’esterno delle cellule.

Nelle condizioni normali e ottimali, la proporzione tra tali sali dovrebbe essere abbastanza simile, per permettere gli scambi necessari all’organismo. Se le quantità di sodio sono superiori a quelle di potassio l’organismo tende a trattenere una maggiore quantità di acqua per riuscire a garantire una normale diluizione causando quindi la ritenzione idrica, che provoca edema e rigonfiamento. Questo è dovuto alla proprietà del sale di assorbire le molecole d’acqua presenti nell’ambiente circostante.

 

POTASSIO E TRASISSIONE NERVOSA

Sono coinvolti diversi ioni (tra cui il sodio) e un enzima che trasporta il sodio e il potassio: quella conosciuta come pompa sodio-potassio. Quando il neurone è a riposo risulta avere una carica positiva all’esterno e negativa all’interno; questa differenza è proprio mantenuta da questa pompa che spinge gli ioni sodio fuori e quelli potassio all’interno. Quando il potenziale è invertito si genera un’azione alla base del trasferimento dei segnali nervosi.

 

POTASSIO E IPERTENSIONE

Studi hanno dimostrato la correlazione potassio e benessere cardiaco in quanto svolge un ruolo fondamentale in questo senso contribuendo alla prevenzione e alla riduzione della pressione sanguigna in soggetti che soffrono di ipertensione. Si consiglia quindi di assicurarsi di assumere il giusto quantitativo di potassio con l’alimentazione e di preferire cibi che ne sono ricchi.

 

EFFETTI DELLA CARENZA

I principali sintomi di una carenza di potassio vanno da disturbi cardiaci, senso di debolezza e diminuzione del tono muscolare, crampi, stanchezza, formazione di edemi, stitichezza, occlusione intestinale e disidratazione cellullare.

Stiamo comunque sempre attenti a non eccedere: il difetto porta dei disturbi, ma anche l’eccesso può causare effetti indesiderati. Questi possono manifestarsi con un senso di stanchezza, crampi muscolari, bradicardia e ipotensione.

Le cause più comuni, di una carenza di potassio, vanno ricercate in disturbi dell’apparato digerente che provocano vomito o diarrea, esercizio fisico intenso e perdita di liquidi attraverso la sudorazione, eccesso di sodio nell’alimentazione, sindromi da malassorbimento, abuso di diuretici.

Se si è difronte ad una carenza lieve sarà sufficiente aumentare il consumo di frutta e verdura fresche e ridurre il consumo di sale. Eventualmente è possibile ricorrere ad integratori specifici per via orale, solo nei casi più gravi è prevista un’integrazione per via endovenosa.

 

IL POTASSIO NEI CIBI

Non essendo il nostro corpo, in grado di sintetizzarlo autonomamente, deve essere integrato attraverso l’alimentazione, i cibi che ne sono più ricchi sono sicuramente tutti i cibi freschi e non sottoposti a trattamenti con conservanti.

I cibi che ne contengono un quantitativo maggiore sono ortaggi, frutta, verdura ed erbe aromatiche come per esempio i fagioli bianchi, le albicocche disidratate, gli spinaci crudi, l’avocado, le zucchine, le banane, l’uvetta essiccata, la valeriana, i cavoletti di Bruxelles, le noci, i ceci secchi, la crusca di grano e le mandorle. La dose giornaliera raccomandata è di circa 3,900mg al giorno, da assumere preferibilmente attraverso un’alimentazione varia ed equilibrata.

 

INTEGRAZIONE DI POTASSIO NELLO SPORT

Un’integrazione di potassio può essere presa in considerazione nell’ambito sportivo e nel fitness, soprattutto nei mesi più caldi ed umidi e se siamo in presenza di atleti impegnati in sforzi frequenti e prolungati, con abbondanti sudorazioni, e in ambienti caldi. Il reintegro di sali in questo caso è molto importante, ma altrettanto importante è non eccedere con il dosaggio.

 

Contattaci e penseremo a tutte le valutazioni del caso in base ai tuoi obiettivi.

TI AIUTEREMO A DIVENTARE LA VERSIONE MIGLIORE DI TE!


Categoria: Alimentazione equilibrata, Integratori alimentari, Benessere fisico

Commenti: Nessun commento

Per poter commentare è necessario accedere al portale.

Log-in