LA CARNITINA

LA CARNITINA

 

La carnitina è un aminoacido non proteico a catena corta, è presente in buone quantità nei tessuti animali e in quantità molto ridotte nelle piante.

L’organismo umano ne può sintetizzare, a livello epatico e renale, a partire dalla LISINA e dalla METIONINA in presenza di niacina, Vitamina C, Vitamina B6 e di ferro, ma alcune disfunzioni possono portare ad una carenza.

 

I BENEFICI NELLO SPORT E NEL FITNESS

Questo aminoacido è particolarmente apprezzato in ambito sportivo e, soprattutto, nel fitness grazie alla sua capacità di ottenere energia attraverso il trasporto di acidi grassi nelle cellule muscolari; questa sua caratteristica la rende molto amata da chi si scontra con uno stallo di peso ponderale o con un calo di energia durante l’attività sportiva. Essa consente di produrre energia in maniera più efficiente attingendo direttamente dalle riserve di grasso dell’organismo, riducendo così il senso di affaticamento e ottimizzando l’effetto dimagrante dell’allenamento. Questa sua caratteristica la rende particolarmente indicata in caso di alimentazioni ipocaloriche.

Altri effetti positivi si riscontrano a livello delle prestazioni durante lo sport: studi hanno dimostrato, infatti, un aumento delle performance grazie ad una riduzione del senso di fatica e ad una minor produzione di acido lattico. Negli sport di forza e velocità sembra riuscire a risparmiare il glicogeno muscolare.

Altri studia hanno si sono invece concentrati sugli effetti nell’ambito della rigenerazione post-workout riducendo notevolmente anche i danni muscolari derivanti dall’allenamento intenso.

Molto interessanti risultano anche gli ambiti di applicazione clinica grazie alla qualità di antiossidante, soprattutto nei confronti delle cellule cardiache e muscolari, rivelandosi un efficace cardio e vaso protettore. Le è inoltre riconosciuta la capacità di contribuire a diminuire la concentrazione di trigliceridi aumentando però il colesterolo HDL.

 

EFFETTI COLLATERALI E CONTROINDICAZIONI

L’utilizzo a dosaggi elevati potrebbe provocare nausea, vomito, crampi addominali e diarrea. In alcuni soggetti a rischio, sembra anche poter accentuare alcuni sintomi di disturbi del comportamento, quali senso di ansia ed angoscia.

Altre controindicazioni si hanno in caso di utilizzo in gravidanza ed allattamento ed in presenza di patologie cardiovascolari e neurologiche. Quindi il nostro consiglio è, ancora una volta, quello di rivolgervi sempre prima al vostro medico di fiducia, così da poter essere consigliati al meglio.

Una buona integrazione sportiva, unita ad una sana e bilanciata alimentazione impostata secondo le vostre esigenze specifiche, potrà aiutarvi a raggiungere i vostri traguardi.

 

LA CARNITINA NEGLI ALIMENTI

Nell’alimentazione la ritroviamo prevalentemente nei cibi di origine animale: carne di pecora, di agnello, manzo, suino, coniglio, la ritroviamo in buone quantità anche nei prodotti caseari, ma anche nell’avocado e nel Tempeh; meno presente nei legumi e nei cereali.

 

 

DOSAGGIO CONSIGLIATO

Il dosaggio medio può variare dai 500 ai 2000 mg al giorno, sempre da suddividere in più somministrazioni.

E’ sempre meglio preferire un’assunzione a stomaco vuoto; in caso di un allenamento fitness sarebbe preferibile dai 30 ai 60 minuti prima dell’allenamento.

 

 

Contattaci e penseremo a tutte le valutazioni del caso in base ai tuoi obiettivi.

TI AIUTEREMO A DIVENTARE LA VERSIONE MIGLIORE DI TE!

 


Categoria: Alimentazione equilibrata, Allenamento in palestra, Integratori alimentari

Commenti: Nessun commento

Per poter commentare è necessario accedere al portale.

Log-in